Museo degli strumenti scientifici

Nel 1942 venne fondato dall'Università di Padova l'osservatorio astrofisico di Asiago, dotato di un telescopio con uno specchio da 122 cm di diametro.

È con questo strumento che si sono potuti ottenere grandi successi, principalmente nel campo delle stelle variabili, delle stelle novae, delle supernovae e delle galassie.
Il progresso tecnologico nell'osservazione astronomica, che all'inizio si avvaleva soprattutto dell'uso delle lastre fotografiche, impose agli astronomi l'aggiornamento costante della strumentazione utilizzata. La collezione è divisa in due settori, quello dedicato agli strumenti di acquisizione dei dati e quello dedicato agli strumenti di riduzione.